MENU

Prestito interbibliotecario, scommessa vinta

CULTURA E SPETTACOLO - 30 01 2018 - redazione

CONDIVIDI

/prestito interbibliotecario

Avviato dalla Provincia nel 2006, il prestito interbibliotecario assicura lo scambio tra le biblioteche di libri, CD e DVD richiesti dagli utenti, secondo un programma settimanale di consegne. Delle prenotazioni si occupano i bibliotecari, ma i cittadini possono anche inserirle direttamente online, con un account al sito biblioteche.provinciasondrio.gov.it, una modalità sempre più apprezzata. Puntuali messaggi di posta elettronica o SMS avvisano che il libro è pronto per essere ritirato. 

 

Una crescita costante e un gradimento altissimo. Il servizio nel 2017 ha fatto registrare 58.916 prestiti, oltre 3.000 in più rispetto al 2016 (55.638) e quasi 10.000 in più rispetto al 2015 (49.118). Il questionario on-line proposto dalla Provincia ai cittadini dal 12 al 24 gennaio scorsi ha inoltre rivelato un gradimento davvero alto: delle 213 persone che hanno risposto, 151 si sono dichiarate “molto soddisfatte” (6 punti su 6); 55 hanno assegnato 5 punti su 6 e solo 7 hanno assegnato 4 punti su 6.

 

“La Provincia ha sempre creduto nel servizio di prestito interbibliotecario e non ha esitato a farsene carico per garantirlo ai cittadini: sapere che è tanto apprezzato ci spinge a fare sempre meglio. Non bisogna smettere di investire in cultura, il beneficio per le nostre comunità è inestimabile” ha dichiarato il consigliere delegato alla Cultura, Alan Vaninetti.

 

Un momento positivo per le biblioteche della nostra provincia. Nonostante la generalizzata crisi della lettura, in Valtellina e Valchiavenna le biblioteche si confermano un servizio molto utilizzato e apprezzato dai cittadini: nel 2017 i prestiti complessivi, inclusi gli interbibliotecari, sono stati 471.100, 7.572 in più rispetto al 2016. In crescita anche gli iscritti da 0 a 5 anni, passati da 1.613 a 1.768: che sia importante puntare su questa fascia di età lo affermano numerosi studi, secondo cui la lettura ad alta voce a bambini anche
molto piccoli è straordinariamente efficace per lo sviluppo cognitivo, emotivo e relazionale.

 

Per questo nel 2017 Provincia di Sondrio, ATS della Montagna e ASST Valtellina e Alto Lario hanno siglato un protocollo d'intesa per collaborare più strettamente nella promozione del programma Nati per Leggere nelle biblioteche, nei consultori, nel reparto di pediatria dell'ospedale e negli studi dei pediatri di famiglia.

LASCIA UN COMMENTO:

DEVI ESSERE REGISTRATO PER POTER COMMENTARE LA NOTIZIA! EFFETTUA IL LOGIN O REGISTRATI.

0 COMMENTI