MENU

Scuola Vido: infiltrazioni d'acqua e mancanza di interventi

CRONACA - 31 05 2024 - Marco Travaglia

CONDIVIDI

/infiltrazioni acqua
Foto scattata oggi in classe Terza e che sta facendo il giro del web

Non si placano le polemiche riguardanti le condizioni del tetto della Scuola A. Vido di Tirano. Dopo oltre un anno di segnalazioni e solleciti, non si sono ancora visti interventi concreti.

 

La vicenda ha inizio il 1° febbraio 2023, quando i rappresentanti dei genitori inviarono una lettera al Comune di Tirano, intitolata “Richiesta interventi su tetto scuola Vido”. Nella lettera si evidenziavano gravi infiltrazioni di acqua sul tetto della scuola, richiedendo interventi urgenti.

 

Il 30 marzo 2023, il vice-sindaco Sonia Bombardieri rispose riconoscendo la problematica. La Bombardieri attribuì l’origine delle infiltrazioni all'installazione dei pannelli fotovoltaici realizzata dalla ditta AEVV nel 2008 e menzionò un intervento del 2019, costato 15.000 euro, che però non aveva risolto il problema. La vice-sindaco assicurò che, a seguito della segnalazione, era stato effettuato un sopralluogo tecnico e che, sebbene i pannelli del controsoffitto fossero macchiati, non vi era un rischio immediato di crollo. Si programmava un ulteriore sopralluogo durante giornate piovose per valutare l’entità del problema e definire gli interventi necessari, ipotizzando la sostituzione della copertura attuale con una in lamiera. Tuttavia, l’intervento risultava particolarmente oneroso e richiedeva accordi con AEVV.

 

Nonostante queste dichiarazioni, nessun intervento fu attuato durante l’estate del 2023. Il 19 ottobre dello stesso anno, un nuovo sollecito fu inviato dai genitori, denunciando la mancanza di azioni concrete e segnalando nuove infiltrazioni che avevano costretto le maestre a proteggere i dispositivi elettronici in aula e a gestire situazioni di emergenza come la caduta di un pannello del controsoffitto e l’allagamento di un’aula.

 

Di fronte al protrarsi dell’inerzia comunale, il 13 marzo 2024 un rappresentante dei genitori si rivolse al giornale locale "La Provincia di Sondrio", che pubblicò un articolo sulla questione. Tuttavia, la notizia non sortì alcun effetto concreto.

 

Ad oggi, 31 maggio 2024, la situazione rimane critica. In un’aula di classe terza, l’acqua che continua a cadere dal tetto descrive una condizione quantomeno imbarazzante, segno tangibile di una problematica che non può più essere ignorata.

GALLERY

LASCIA UN COMMENTO:

DEVI ESSERE REGISTRATO PER POTER COMMENTARE LA NOTIZIA! EFFETTUA IL LOGIN O REGISTRATI.

0 COMMENTI